sabato 3 febbraio 2018

La mia parola dell'anno e planning 2018

Sono saltata al 2018 con un incredibile strascico di stanchezza dovuta al lavoro dei mesi precedenti e ad una terribile influenza che mi ha messa ko proprio durante le festività natalizie. Gennaio è partito in sordina e così sono riuscita a fare il punto della situazione guardandomi indietro ma soprattutto lanciando uno sguardo al futuro. Già dai mesi precedenti nella mia mente si profilavano nuovi progetti e idee che avrei voluto sviluppare nel 2018. In maniera del tutto istintiva ho sentito il bisogno di far affiorare nel mio lavoro una parte di me che mi accompagna da sempre, che fa parte del mio mondo in maniera così forte da darlo quasi per scontato. Era ovvio che la mia parola guida era già lì, non c'era bisogno di girarci troppo intorno! 

Parola dell'anno

Ho iniziato a cercare una parola guida due anni fa grazie a Gioia Gottini, che mi ha spiegato come una parola può aiutarmi a fare delle scelte importanti e coerenti. E' una bussola che ti guida sia sul piano personale che professionale, e ti spinge a fare un "percorso interiore che si costruisce giorno per giorno verso le mete che quella parola ti suggerisce" (Tulimami).

Quest'anno la mia parola è Natura e, grazie a ciò che ho letto, ho capito come posso applicarla a tutti gli ambiti della mia vita, compreso il mio lavoro.

Ho capito che, anche se troppo ovvia, non dovevo respingerla perchè si tratta di un'esigenza troppo forte per non darle voce.

Le prime idee si erano già manifestate a dicembre quindi ho dovuto solo approfondirle. Altre invece sono venute giù come un fiume in piena dopo aver capito che era lei la mia parola dell'anno. Come applicarla alla mia vita?

  • sul personale, portare in casa ciò che della natura mi fa star bene e mi rende serena. In questo mese pianterò i bulbi di tulipani che avevo messo a riposo lo scorso anno.
  • stare attenta a ciò che acquisto, preferire prodotti naturali da portare in tavola ma anche da indossare. 
  • sul lavoro, ho sempre preferito filati e tessuti naturali ma quest'anno ho ampliato la mia ricerca e te ne parlerò nel mio prossimo post, altrimenti mi dilungo davvero troppo!!
  • sempre sul lavoro, voglio portare un pò di natura a casa delle mie clienti quindi chi acquisterà nei prossimi mesi troverà un packaging diverso, sempre curato ma al naturale. Cosa mi inventerò???

E ora pianifico

Intorno a questa parola ho organizzato tutto il planning 2018.
Ho frequentato il corso "Planner senza fronzoli" di Francesca Baldassarri, un planner utilissimo che mi ha permesso di tirar fuori tanto di me. Non è stato semplice, ci sto lavorando ancora, ho coperto metà anno e devo ritenermi soddisfatta già così! 

Ho individuato il mio Big Event, l'evento più importante del mio 2018, e sto lavorando al suo lancio che avverrà a breve (dillo che sei curiosa!!)

Ho acquistato un'agenda, questa, dove organizzo le mie giornate partendo da una to do list che cerco di spuntare prima che sia mezzanotte!!! 

Perchè tutto questo??

Perchè ho capito che senza una buona pianificazione vado in tilt, spreco tempo ed energie! Me lo ha spiegato lei e lei, e da quando mi organizzo in questo modo ho meno ansia e, guarda un pò, ho ripreso a scrivere sul blog!!

E tu, come hai organizzato il tuo 2018? 
  






1 commento:

I vostri commenti mi fanno sempre piacere!

Pin It button on image hover